L’attentato Nap in cui muore Martino Zicchitella diventa un film. Del figlio del bersaglio

Un evento così scioccante e poi tutto il tempo successivo, sospeso con la paura che ricapiti e che non sia finita lì, segnano per sempre anche se sei un bambino. Ha riannodato i suoi fili interiori, li ha rielaborati, fatti diventare altro, una storia per il cinema, Claudio Noce, il regista 45enne che alla Mostra del Cinema di Venezia (2-12 settembre) porta in concorso Padrenostro. Nel ringraziare per la selezione, Noce (Good Morning Aman, La Foresta di ghiaccio, Non Uccidere, 1994) ha rivelato che questo film “ha un significato particolare, è una vicenda ispirata alla mia famiglia”.

Il film

Nel film, scritto da Noce con Enrico Audenino, ambientato nel 1976 a Roma, si racconta la vita di Valerio sconvolta quando, insieme alla madre Gina (Barbara Ronchi), assiste all’attentato ai danni di suo padre Alfonso (Pierfrancesco Favino) da parte di un commando di terroristi. Da quel momento, la paura e il senso di vulnerabilità segnano drammaticamente i sentimenti di tutta la famiglia. Ma è proprio in quei giorni difficili che Valerio conosce Christian (Francesco Gheghi), un ragazzino poco più grande di lui. Solitario, ribelle e sfrontato, sembra arrivato dal nulla. Quell’incontro, in un’estate in Calabria carica di scoperte, cambierà per sempre le loro vite.

L’attentato

  L’attentato ci fu eccome, il 14 dicembre 1976, e fu un’azione di guerra dei Nuclei armati proletari. Decisi ad uccidere, proprio all’uscita della sua abitazione a Monteverde, il vicequestore Alfonso Noce responsabile della sezione antiterrorismo di Lazio e Abruzzo. I nappisti ferirono alle gambe Noce e uccisero uno dei due poliziotti della scorta, il 24enne agente Prisco Palumbo. Ma sotto il fuoco amico cadde anche un nappista, Martino Zichitella, colpito per errore. Perché la defezione all’ultimo minuto di uno dei componenti del commando fece saltare lo schema operativo. Il militante evaso rimase così esposto a un rischio mortale. Una volta rintracciati, i membri del Nap ebbero due condanne all’ergastolo.

Informazioni su

Ugo Maria Tassinari è l'autore di questo blog, il fondatore di Fascinazione, di cinque volumi e di un dvd sulla destra radicale nonché di svariate altre produzioni intellettuali. Attualmente lavora come esperto di comunicazione pubblica dopo un lungo e onorevole esercizio della professione giornalistica e importanti esperienze di formazione sul giornalismo e la comunicazione multimediale

Taggato con: , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.