2 agosto 1980-2020: il nostro piccolo contributo alla verità sulla strage, il dossier Mauro Di Vittorio

Otto anni fa sulle pagine di Fascinazione, a partire da un’intervista dell’on. Raisi, riusci ad aprire e a tenere nei limiti del confronto civile, per quanto asperrimo, una lunga discussione sulle ipotesi avanzate dal parlamentare finiano a proposito delle presunte responsabilità di una delle vittime, Mauro Di Vittorio, come trasportatore dell’esplosivo che provoca la strage.
Ipotesi sconfessata dagli stessi ricercatori che pure con Raisi avevano collaborato dai tempi della commissione Mitrokhin. Otto anni dopo il confronto collettivo, cinque anni dopo la conclusione dell’inchiesta giudiziaria che attribuisce a Di Vittorio la qualifica di “vittima oggettiva” della strage, l’Intergruppo parlamentare che sostiene l’innocenza dei Nar, ritira in mezzo, in maniera sconsiderata, Mauro. E’ quindi il caso di riproporre il mio contributo personale alla ricerca della verità. Un’impresa di cui oggi sono particolarmente orgoglioso anche alla luce del fatto che oggi sarebbe del tutto impossibile portarla avanti.

Informazioni su

Ugo Maria Tassinari è l'autore di questo blog, il fondatore di Fascinazione, di cinque volumi e di un dvd sulla destra radicale nonché di svariate altre produzioni intellettuali. Attualmente lavora come esperto di comunicazione pubblica dopo un lungo e onorevole esercizio della professione giornalistica e importanti esperienze di formazione sul giornalismo e la comunicazione multimediale

One comment on “2 agosto 1980-2020: il nostro piccolo contributo alla verità sulla strage, il dossier Mauro Di Vittorio
  1. pino casamassima ha detto:

    Trovo vergognoso che Raisi abbia ancora modo di essere invitato in trasmissioni televisive (vedi La7 di venerdì 31 us) per riproporre le sue falsità su Di Vittorio dopo essere stato sbugiardato anche in tribunale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.