#Nolockdown, piccola guerriglia a Milano e Torino

ULTIMORA – ORE 15, martedì 27 ottobre – A Torino arrestate 11 persone per le devastazioni: 9 anarchici e 2 nordafricani con gli zaini pieni di borse Gucci appena saccheggiate.

Petardi e bombe carta, fumogeni, cariche della polizia, vetrine distrutte, cassonetti gettati a terra. Scene di guerriglia urbana questa sera a Torino e a Milano fra gruppi di manifestanti scesi in piazza per protestare contro le misure anti Covid e le forze dell’ordine, costrette al lancio di lacrimogeni e alle cariche di alleggerimento per rispondere al lancio di sassi e bottiglie. Dieci i manifestanti fermati sotto la Mole, giovani pregiudicati di periferia e ultrà , due nel capoluogo lombardo, dove è stato ferito un poliziotto. Colpito alla testa nel capoluogo piemontese un giovane fotoreporter; feriti due poliziotti.

Sulla scia delle proteste di Napoli e Roma, la prima sera senza bar e ristoranti è esplosa in tensioni e scontri anche in due tra le Regioni più colpite dalla pandemia. Pesano la curva dei contagi che continua a salire e la preoccupazione per le ricadute sull’economia delle misure governative.

Milano: lanciata una molotov, 15 fermi

Oltre un centinaio le persone scese lungo corso Buenos Aires, la più importante strada commerciale di Milano occupata da un corteo non autorizzato. Dehors danneggiati, le transenne usate per il Giro d’Italia di ciclismo lanciate nella scale della metropolitana, cassonetti rovesciati. Dalla manifestazione è partita anche una molotov verso un’auto della polizia locale, che non è stata centrata. Quindici le persone fermate e portate in Questura. Il numero sembra destinato a salire.

Torino: saccheggiati negozi di lusso

Altra regione e altra città , ma stesse scene in piazza Castello, via Roma e piazza San Carlo, il salotto buono di Torino trasformato in terreno di scontro con le forze dell’ordine. “Libertà libertà”, il coronavirus non esiste,
svegliatevi” sono gli slogan scanditi dai manifestanti prima che la protesta si trasformi in violenza.

Dal ritrovo nelle vicinanze del Palazzo della Regione sorvegliato da carabinieri e polizia, in piazza Castello, i manifestanti si sono sparpagliati per tutto il centro. Le prime cariche di alleggerimento davanti a Palazzo Madama, sempre in piazza Castello, poi all’imbocco di via Pietro Micca in risposta al lancio di bottiglie e bombe carta da parte dei dimostranti.
In Piazza Castello arriva anche un’ambulanza per soccorrere un giovane – un giornalista secondo la Questura – rimasto ferito alla testa dal lancio di una bottiglia. Fra i dimostranti non manca chi è contrario alle azioni contro la polizia – due persone sono venute alle mani e sono state separate – ma alla fine a prevalere è la violenza.

Nella centralissima via Roma, a Torino, i manifestanti sfogano la loro furia contro i cestini dell’immondizia, tutti a terra, e le vetrine di alcuni negozi della via dello shopping, come Gucci ed Hermes. Due negozi vengono presi d’assalto e dati al saccheggio. Danni anche alle transenne di un cantiere edile, gettate a terra, in piazza Carignano e lungo via Po. I manifestanti accendono un fuoco nei pressi del Teatro Regio, la polizia risponde utilizzando un idrante per disperdere i facinorosi. Tutto tranquillo, invece, in piazza Vittorio. L’altra manifestazione contro il Dpcm ha rispettato le prescrizioni impartite dalla Prefettura. “Il 26 ottobre è morta la ristorazione”, si legge sullo striscione srotolato. Tra i manifestanti anche Mino Giachino del comitato Si Tav Si Lavoro.

Informazioni su

Ugo Maria Tassinari è l'autore di questo blog, il fondatore di Fascinazione, di cinque volumi e di un dvd sulla destra radicale nonché di svariate altre produzioni intellettuali. Attualmente lavora come esperto di comunicazione pubblica dopo un lungo e onorevole esercizio della professione giornalistica e importanti esperienze di formazione sul giornalismo e la comunicazione multimediale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.