Pedofilia, rapporto choc sui Legionari, le truppe d’assalto di Wojtyla in America Latina

Coinvolta da decenni nello scandalo degli abusi sessuali su minori la Congregazione dei Legionari di Cristo ha pubblicato ora un rapporto-shock. Nei quasi 80 anni dalla sua costituzione 33 sacerdoti, a cominciare dal fondatore Marcial Maciel, hanno compiuto ben 175 casi accertati di violenza su bambini e adolescenti.
Padre Marciel è una delle figure più torbide e oscure della Chiesa moderna. Il movimento nacque in Messico nel 1941 e poi crebbe nei decenni del dopoguerra. Fu riconosciuto dal Vaticano (ma non da Pio XII che lo osteggiò), fino a diventare un piccolo impero. Oggi può contare su 900 preti, e su circa 2mila seminaristi. E’ dotato di un braccio laico, il Regnum Christi, e poi possiede case religiose, chiese, università, residenze. Non si è mai conosciuta l’entità reale del tesoro accumulato da padre Maciel,né quali sono gli investimenti finanziari legati alla Legione.

Padre Marciel, un abusatore seriale

In un ampio preambolo al documento, i vertici dei Legionari osservano che “abbiamo sperimentato che qualunque atto di avvicinamento ad una vittima è un passo essenziale verso la giustizia e la verità”. E che “fare luce sul passato, per quanto possa essere doloroso, è un gesto liberatorio e di fondamentale importanza per costruire il futuro”. Anche per questo il rapporto “condanna e deplora” gli abusi commessi e “quelle pratiche istituzionali o personali che possano aver favorito o propiziato qualsiasi forma di abuso o rivittimizzazione”.
Padre Maciel, morto negli Usa a gennaio 2008, è stato responsabile di almeno 60 casi
di abusi di minori”. Fu condannato dall’ex Sant’Uffizio alla rinuncia del ministero pubblico e a una vita riservata il 19 maggio 2006, tenendo conto anche di denunce sulla sua doppia e
tripla vita, con abusi anche sui figli naturali, che risalivano al 1956.

Operando al riparo di forti protezioni che si era procurato in Vaticano, Maciel ha mantenuto la carica di superiore generale dei Legionari di Cristo durante quasi tutto il periodo di
sviluppo della Congregazione. Quando ancora la parte oscura della sua vita non era emersa (lo fu a partire dal 1997), fu considerato molto vicino a Giovanni Paolo II, pontefice che accompagnò durante le visite in Messico nel 1979 e 1990.

I Legionari: integralisti e reazionari

I legionari sono stati una delle organizzazioni più violentemente reazionarie  e integraliste della chiesa cattolica dell’età wojtyliana, fra i loro obiettivi c’era quello di contrastare ogni deriva progressista del cattolicesimo latinoamericano. Poco importava quali fossero i mezzi per raggiungere questo obiettivo. I legionari hanno goduto dell’incondizionato appoggio di Giovanni Paolo II e dei suoi più stretti collaboratori: dal cardinale Angelo Sodano, Segretario di Stato, al suo  segretario personale, Stanislw Dziwisz.

Maciel è stato abusatore di minori, corruttore, ha avuto figli e figlie di cui ha abusato da due diverse donne. Ha circuito personaggi ricchi per ottenere grandi donazioni. Ha goduto dell’appoggio dell’establishment della destra cattolica repubblicana degli Stati Uniti e della destra latinoamericana. Joseph Ratzinger ha provato senza successo a osteggiarlo quando era cardinale e poi ha commissariato la congregazione una volta diventata Papa. E tuttavia gli scandali sono proseguiti, nuovi casi sono emersi in Cile, in Messico e in altre parti del mondo. Molti legionari hanno lasciato la congregazione.La vecchia guardia legata a Maciel non è mai stata allontanata del tutto dalle autorità vaticane.

Tutti i dati sugli abusatori

In conclusione il rapporto sottolinea che i 33 sacerdoti autori degli abusi rappresentano il 2,44% dei 1.353 legionari ordinati nella storia dell’associazione. Di quei responsabili, “sei sono morti, otto hanno abbandonato il sacerdozio, uno ha lasciato la Congregazione e 18 vi sono invece rimasti”. Il 100% di essi “è però escluso da rapporti pastorali con minori, quattro hanno restrizioni nell’esercizio del ministero e si attengono ad un piano di sicurezza, mentre 14 non esercitano il ministero sacerdotale pubblico”.
Frutto del lavoro di sei mesi di una commissione interna che ha esaminato tutta la documentazione esistente dal 1941 ad oggi, e che ha interrogato vittime e responsabili degli abusi, il rapporto è stato pubblicato nel portale ceroabusos.org, ma sarà presentato e discusso il 20 gennaio a Roma in occasione del Capitolo generale della Congregazione.

Informazioni su

Ugo Maria Tassinari è l'autore di questo blog, il fondatore di Fascinazione, di cinque volumi e di un dvd sulla destra radicale nonché di svariate altre produzioni intellettuali. Attualmente lavora come esperto di comunicazione pubblica dopo un lungo e onorevole esercizio della professione giornalistica e importanti esperienze di formazione sul giornalismo e la comunicazione multimediale

Taggato con: , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*