Per conoscere Stefano Delle Chiaie

E’ morto stanotte nell’ospedale romano in cui era ricoverato Stefano Delle Chiaie, il leader nazionalrivoluzionario italiano che è stato per un ventennio protagonista della scena internazionale, dalla Spagna al Cile, dall’Argentina alla Bolivia, A lungo screditato come agente provocatore, al soldo del ministero degli Interni, tutti i processi a suo carico si sono conclusi senza produrre un solo elemento evidente della sua compromissione.
Io stesso ho avuto modo di rivedere il giudizio storico espresso nella prima edizione di Fascisteria, riconoscendo che era non fondato.

“E’ stato uno dei personaggi – ho dichiarato stamattina all’Adn Kronos che ha fatto un gran lavoro di raccolta di testimonianze – più controversi della storia della violenza politica e del terrorismo in Italia e io stesso ho dovuto rivedere il mio giudizio storico nell’arco degli anni. Nel processo per la strage di Bologna Delle Chiaie entra perché è vittima di un depistaggio compiuto da Elio Ciolini. Questo faccendiere in rapporto con i servizi segreti poi sarà protagonista anche di un altro depistaggio nella stagione delle stragi di mafia del ’92. Stiamo parlando di un personaggio leader dell’Internazionale nera che ha collaborato con alcuni regimi militari in Sud America, dal Cile, all’Argentina, al Bolivia. Li considerava, ha scritto nella sua autobiografia, realtà utili al suo progetto che era di fare la rivoluzione nazionale in Italia”.

E’ invece certo, e lo ha raccontato nella sua biografia L’Aquila e il Condor, che Stefano Delle Chiaie abbia collaborato con diversi regimi militari latinoamericani. Li considerava infatti potenziali alleati e supporter per la rivoluzione nazionale a cui lavorava sin da ragazzino.
Il suo libro ha deluso le aspettative di quanti speravano che offrisse un contributo al disvelamento delle responsabilità delle stragi che avevano tentato di accollargli. Aveva però scelto, alla luce della sua esperienza di “vittima” delle più feroci dicerie, di non parlare mai di cose di cui non avesse preciso riscontro. Una scelta di stile.

Per approfondire

Nel corso della giornata pubblicherò una rassegna dei materiali prodotti in dieci anni di blog

  • Chi ha paura delle memorie di Delle Chiaie
    23 febbraio 2011 – Stefano Delle Chiaie si racconta a Massimiliano Griner e a Umberto Berlenghini ma le sue memorie non trovano un editore. Il progetto è stato infatti già rifiutato da Marsilio, da Rizzoli e da Newton Compton. Eppure parla finalmente, organicamente un indiscusso protagonista di trent’anni della storia italiana, dalla nascita delle strategia della tensione ai movimenti politici accusati di aver fatto sponda allo stragismo mafioso degli anni ’90. Perché? L’unica risposta che mi viene è che il soggetto – che pure ha vissuto intensamente e pericolosamente – non è riducibile allo stereotipo del mostro fabbricato in una lunga stagione di depistaggi e provocazioni. Eppure la materia per un bestseller c’è, abbondantemente
  • Annullato il meeting di Latina con Delle Chiaie
    3 febbraio 2012 – Quello in programma oggi a Latina è veramente un evento eccezionale. Perché da molti anni Stefano Delle Chiaie, un protagonista di 40 anni di storia patria, si è defilato. Sta lavorando come sanno i lettori attenti di Fascinazione, alla sua biografia che uscirà in primavera. L’incontro promosso dall’Associazione Passepartout ne è una sorta di anticipazione. Questa la scheda di accompagnamento all’invito.
  • ULTIM’ORA: Evento annullato per il maltempo
  • Delle Chiaie a Cosenza. Scalzone lo sfida a duello
    28 settembre 2012 – Paolo Persichetti rilancia sul suo blog Insorgenze un’intervista di Calabria ora a Oreste Scalzone. L’occasione è la presentazione in programma oggi a Cosenza del libro di Stefano Delle Chiaie, “L’ Aquila e il Condor”, che sarà condotta da Paride Leporace, direttore del “Quotidiano di Basilicata” e autore di “Toghe rosso sangue”. Scrive Persichetti:”Il fondatore di Avanguardia nazionale, ricorda Oreste Scalzone, insieme a Mario Merlino ha più volte sostenuto che la battaglia di Valle Giulia, nata dalla resistenza opposta dagli studenti al tentativo di sgombero della facoltà di architettura da parte della polizia, sarebbe stata preceduta da un incontro tra neofascisti e il comitato d’Ateneo della Sapienza 
  • Delle Chiaie e Leporace. La discussione del Quotidiano
    4 ottobre 2012 – Continua la discussione sulla scelta di Paride Leporace, oggi direttore del Quotidiano di Basilicata ma ieri figura di riferimento degli ultras e degli antagonisti cosentini. di presentare il libro di Stefano Delle Chiaie. La sua scelta ha suscitato, tra gli altri, gli opposti pareri di due scrittori che collaborano al suo quotidiano. Con Nunzio Festa ho avuto modo di polemizzare anch’io, ma è un avversario di pregio e dalle granitiche convinzioni. Di Andrea Di Consoli ho annunciato nei giorni scorsi l’uscita dell’ultimo romanzo, dedicato appunto alla figura di un fascista proletario calabrese, immigrato a Torino negli anni ’70. Un noir con un “nero” come protagonista. Ecco i loro interventi.
  • La rivolta di Reggio e il golpe Borghese
    5 marzo 2014 – E’ stata quella di Anzio la quarta presentazione che ho fatto del libro di Delle Chiaie, di cui mi sono anche occupato a lungo sul mio blog Fascinazione. E devo dire che la giudico di gran lunga la più interessante: perché Delle Chiaie, da me stimolato sulle rivolte del Sud, ha raccontato cose che non aveva mai letto o sentito, non comunque inquadrate in un ragionamento sistematico e di profondità. Per la prima volta, quindi, Delle Chiaie ha raccontato che Reggio, come tutte le rivolte, ha una data di nascita, ma anche un periodo di incubazione, che in questo caso coincide giusto con i classici nove mesi della gravidanza umana. Perché a preparare la rivolta di Reggio c’è la visita di Borghese nella città calabrese  … [ da L’Alter Ugo]
  • Stefano Delle Chiaie, 60 anni di battaglie
    13 settembre 2014 – Ieri era il compleanno di Stefano Delle Chiaie. Ho chiesto perciò a Giuseppe Parente, intenso collaboratore di Fascinazione, di raccontarci il suo rapporto per il Comandante. Per chi non lo conosce ricordo che prima di dedicarsi al giornalismo, Giuseppe, è nato mentre Delle Chiaie viveva e operava in America Latina, ha a lungo militato nella destra radicale e appartiene proprio a quella generazione cresciuta sulle macerie degli anni ’80 … Il suo è, in tutta evidenza, un pezzo partigiano. …
  • Avanguardia nazionale, 55 anni e non li dimostra
    29 giugno 2015 – (gp) Sabato 27 giugno Avanguardia Nazionale ha organizzato un evento in ricordo del cinquantacinquesimo anno di fondazione. All’evento erano presenti militanti e simpatizzanti provenienti da tutta Italia, pronti ad ascoltare, con la massima attenzione, gli interventi del professore Mario Michele Merlino, di Bruno di Luia, di Maurizio Boccacci e del comandante Stefano Delle Chiaie. Avrei dovuto essere presente all’evento, ma per motivi di famiglia non ho potuto. Il fraterno amico Luigi Cortese, presente all’evento , in esclusiva per i lettori di www.fascinazione.info ci racconta questa giornata romana, densa di emozioni, trascorsa con i militanti di Avanguardia Nazionale.
  • Delle Chiaie: una persona squisita.
    7 ottobre 2015 – La segnalazione è di Giacinto Reale, nella pagina facebook del ‘nostro’ gruppo sugli anni 70, ‘Interfaccia’. Si parla del passato e di una figura antica di leader neofascista ma mi pare che, in qualche modo, Giacinto entri a gamba tesa nel dibattito che infiamma in questi giorni la fascisteria rilanciando un brano del Fasciocomunista di Antonio Pennacchi. 
  • La ristampa dell’Aquila e il Condor
    26 maggio 2018 – Finalmente. Dopo alcuni mesi di attesa, la seconda ristampa de l’Aquila ed il Condor memorie di un militante politico di Stefano Delle Chiaie è di nuovo disponibile in libreria ed in rete. Il libro, di cui consiglio una attenta ed approfondita lettura, in seconda ristampa è edito dalle edizioni Settimo Sigillo per la collana sangue inchiostro.Un libro che sarà presentato il prossimo 7 luglio a Roma
  • Io e Avanguardia
    25 giugno 2016 – L’annuncio di La Repubblica sul raduno odierno di Avanguardia nazionale, che ha destato assai allarme nella compagneria 2.0, ha in realtà scatenato una tempesta in un bicchiere di acqua. Se invece di fermarsi al benemerito Osservatorio, il giornalista avesse dato un’occhiata alla fonte si sarebbe accorto che i raduni si svolgono da anni. [da L’Alter Ugo]
  • Delle Chiaie: Avanguardia fa politica contro i poteri forti
    26 giugno 2016 – (g.p.) Sabato 25 giugno a Roma, presso la sala convegni del ristorante la Fraschetta nel campo, sito in via Tibrutina 949 si è svolto il primo dei due giorni del raduno dei militanti di Avanguardia Nazionale, giunto alla terza edizione, alla presenza di Alessandra Comandini, Maurizio Boccacci, Mario Michele Merlino,Vincenzo Nardulli e di Stefano Delle Chiaie fondatore e leader indiscusso di Avanguardia Nazionale. Luigi Cortese, collaboratore di Fascinazione era presente all’evento e ci ha inviato un interessante articolo sulla prima giornata di lavori al raduno di Avanguardia.
  • Il comandante Borghese stava per rientrare in Italia
    3 settembre 2016 – Nella sua biografia, L’Aquila e il Condor, Stefano Delle Chiaie ricorda come nell’estate del 1974 avesse lasciato da latitante la Spagna per preparare il rientro del principe Borghese in Italia [da L’Alter Ugo]
  • Delle Chiaie sulla morte di Pagliai
    5 novembre 2016 – Delle Chiaie ricostruisce i complotti per liquidare i vertici avanguardisti attivi in America Latina di cui resta vittima Pierluigi Pagliai [da l’Alter Ugo]
  • Il golpe Borghese e i complotti antifascisti
    8 dicembre 2016 – Un video dalla presentazione ad Anzio dell’Aquila e il condor in cui Delle Chiaie spiega le differenze tra il golpe Borghese e i successivi complotti della Rosa dei venti e di Sogno e Pacciardi. [da L’alter Ugo]
  • Il sogno rivoluzionario di Avanguardia
    25 aprile 2017 – (G.p) La nazione come realtà culturale, la libertà come conquista, solidarietà, disuguaglianza come responsabilità e non privilegio, centralità del lavoro, partecipazione, ordine naturale in alternativa a quello liberal capitalista o marxista.
    Su questi presupposti, il 25 aprile 1960, nella sede centrale della Federazione Nazionale Combattenti della Repubblica Sociale Italiana di via Santa Eufemia a Roma, nacque Avanguardia Nazionale.
    Avanguardia Nazionale, come più volte, nel corso delle presentazioni de l’Aquila ed il Condor, mi ha ribadito Stefano Delle Chiaie era immune da qualsiasi sindrome nostalgica ed era immersa immersa in un sogno rivoluzionario.
  • Delle Chiaie commemora la rivolta di Reggio
    14 luglio 2018 – Sono passati ben 48 anni dal giorno in cui la città di Reggio Calabria si ribellò alla decisione del governo dell’epoca di privarla del ruolo di capoluogo di regione. Con l’istituzione dell’ente Regione Calabria nel 1970 era iniziato un dibattito sulla collocazione del capoluogo, poiché più d’una città aspirava a esserlo. In mancanza di enti regionali fino a quella data non vi era un capoluogo ufficiale. Molti testi e pubblicazioni avevano sempre in precedenza indicato la città di Reggio Calabria
  • Il 12 dicembre di Delle Chiaie
    12 dicembre 2018 – Venerdì 12 dicembre 1969 era un giorno come un altro. O almeno così sembrava. Non potevo immaginare che invece sarebbe stato uno spartiacque nella mia vita e in quella di molti altri camerati…
  • Il pomeriggio di quel 12 dicembre mi trovavo a Roma, in via Catania, dove quasi ogni sera incontravo i miei camerati. Li vicino, in una traversa, c’era la sede di Caravella. Non avrei dovuto essere da quelle parti, ma a casa, in via Tuscolana. La sera prima, mentre stavo accompagnando Fabio Fabbruzzi in via Catania, davanti a una trattoria avevo incontrato casualmente Mario Merlino, che era in compagnia di alcuni giovani in partenza per la leva militare.

  • La battaglia di Valle Giulia
    1 marzo 2019 – I nostri militanti di Avanguardia erano stati addestrati allo scontro di piazza. Usavamo uno schieramento il cui vertice a cuneo anticipava il resto del gruppo che, approfittando dell’attenzione concentrata sul primo urto, si apriva come scoppio di granata in piccoli gruppi che attiravano gli avversari su più lati. Con rapidi movimenti si sottraevano a contatti prolungati e con improvvisi spostamenti obbligavano il fronte avversario a disunirsi e difendersi su più versanti.
    Sul campo, ogni scelta tattica veniva affidata ai responsabili dei differenti nuclei. Questa pratica era scaturita dalla necessità di affrontare fisicamente forze superiori alle nostre. Applicammo a Valle Giulia queste misure con risultati decisamente positivi. Avevamo attivisti capaci e riuscimmo a tenere il campo per molte ore.
    Noi di Avanguardia, ripiegammo per ultimi, coprendo la ritirata della massa degli studenti. Subimmo qualche ferito ma nessun arresto. 
  • Delle Chiaie solidarizza con Nardulli
    28 marzo 2019 – Il comunicato di solidarietà di Stefano Delle Chiaie per l’arresto di Vincenzo Nardulli per la presunta aggressione a un giornalista dell’Espresso al verano lo scorso 7 gennaio, al termine del Presente per i caduti di Acca Laren
  • Gli 82 anni di Stefano Delle Chiaie
    13 settembre 2018 – Festeggia oggi 82 anni il casertano Stefano Delle Chiaie, il leader più noto della destra radicale italiana. Una figura politica davvero controversa, come nessuna altra. Per decenni liquidato, sia dai camerati che dai compagni, come il provocatore, l’infiltrato per eccellenza. Da qualche anno, terminati con assoluzioni tutti i processi più pesanti che lo vedono accusato di essere il grande stratega della stagione delle stragi, una saggistica non di parte e non prevenuta nei suoi confronti ha cominciato a restituirne un’immagine più equilibrata.

Informazioni su

Ugo Maria Tassinari è l'autore di questo blog, il fondatore di Fascinazione, di cinque volumi e di un dvd sulla destra radicale nonché di svariate altre produzioni intellettuali. Attualmente lavora come esperto di comunicazione pubblica dopo un lungo e onorevole esercizio della professione giornalistica e importanti esperienze di formazione sul giornalismo e la comunicazione multimediale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*