14 gennaio 2013. Muore Prospero Gallinari. Scalzone in sua memoria

Il 14 gennaio 2013 moriva di crepacuore Prospero Gallinari, fondatore e dirigente delle Brigate rosse. Il 19 gennaio Oreste Scalzone, in partenza per i funerali a Reggio Emilia (dove rilascia la dichiarazione video a 24Emilia) scriveva questo epicedio, pubblicato allora da Paolo Persichetti nel suo blog Insorgenze.

E così, il “contadino nella metropoli”, se n’è andato anche lui. Sempre, di “un uomo che muore”, si potrebbe venire a dire tutto un concatenamento, una matassa anche aggrovigliata di cose, più o meno ‘rapsodicamente’ e senza l’assurda pretesa di poter racchiudere chicchessìa in un giudizio, una biografia, un ritratto.
Qui, tanti approcci possibili : “Prospero come Prospero”, la persona; Prospero nei contesti, sincronicamente e diacronicamente; Prospero e le mutazioni d’epoca, di “spirito del tempo”, Zeit Geist; Prospero nella lunga onda lunga, onda alta della sovversione, nei movimenti che nelle cronologie possiamo periodizzare come seguìti al Sessantotto, e chiamare “Sessantotto lungo”, lungo un anno, un lustro, e poi due, e più; Prospero uno di noi in senso largo quanto si può, dando per buone in generale le auto-certificazioni; Prospero e i più strettamente “suoi”; Prospero e nojaltri in senso stretto; e in tanti potremmo scrivere di “Prospero e io”.

Si potrebbe per esempio cominciare da un Brecht in cui aveva trovato qualcuno che gli dava voce: tra l’Elogio dell’agitatore nella cassa di zinco e l’Ode del lavoro clandestino – «Bello è / levare la voce nella lotta di classe»…
Si potrebbe cominciare dal riaffiorare di ricordi, remoti, recenti… Ma la rapsodìa diverrebbe troppo lunga.
La vita che tira per la giacca, strattona, la vita ‘che tossisce tutta la notte e non vuol lasciarti dormire’, le voci che sopravvengono incessanti spintonandosi accavallandosi, fatti e cose, sussurri e grida, chiamate, perentorie domande, interrogazioni, replicate da echi, mutazioni mutanti e mutagene, variazioni su tema, che insorgono come voci-di-dentro : così il , così, anche così si autodivora, tempus fugit, si restringe, fugge, sfugge, si consuma – il tempo, manca.
Nel dispotismo, insomma, crudele della misura del tempo, crono-metrìa, , non c’è spazio più di tanto per piangere su noi stessi, che ad ogni addìo ci sentiamo un po’ più soli, e dobbiamo apprendere a elaborare il lutto della nostra mortalità di esseri di , specie di esseri parlanti, la cui singolarità – che è innanzitutto il “sapersi” e il “sapersi sapere”, a cominciare dall’inferenza della mortalità e dell’alterità, sé/altro: conoscenza/dannazione, ché conoscere implica separazione, distinzione, divisione, strappamento –, la cui peculiarità è il guardarsi vivere sapendosi morir[n]e, strappati alla pienezza di un presente attanagliato dai tempi che lo riducono a una linea sottile inconsistente, come a zero. LEGGI TUTTO

Informazioni su

Ugo Maria Tassinari è l'autore di questo blog, il fondatore di Fascinazione, di cinque volumi e di un dvd sulla destra radicale nonché di svariate altre produzioni intellettuali. Attualmente lavora come esperto di comunicazione pubblica dopo un lungo e onorevole esercizio della professione giornalistica e importanti esperienze di formazione sul giornalismo e la comunicazione multimediale

Taggato con: ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.