21 febbraio 1986: cade nella prima azione dell’UCC Wilma Monaco

Alla metà degli anni Ottanta i rifugiati politici italiani a Parigi sono qualche centinaio. C’è chi va in esilio per evitare il carcere e cambiare vita, chi cerca un po’ di respiro per riorganizzarsi. Wilma arriva a Parigi nell’85, ricercata dopo l’arresto dell’ex marito.

L’impegno tra lotte legali e illegali

Dalla fine degli anni Settanta partecipa all’attività di gruppi che effettuano azioni illegali sui temi della casa, del lavoro. Ma fa anche attività legale a Primavalle, la ex borgata romana in cui si è trasferita dopo l’infanzia trascorsa nel popolare rione di Testaccio. Ha un lavoro precario. Nell’Ottantatre si avvicina a un gruppo di compagni che si sono allontanati dalle Brigate rosse per divergenze sulla ritirata strategica.

Wilma è nelle battaglie del movimento contro la guerra, nelle lotte operaie. Con i Consigli di fabbrica autoconvocati per la difesa della scala mobile. La sua vita intreccia l’attività clandestina con quella legale. Eppure non rinuncia a momenti di normalità. L’amore, il fratello più piccolo. La comune passione per la Roma.

La militanza con l’UCC

Nell’aprile 1985, quando i compagni a cui si è avvicinata finiscono in prigione, decide di andare via. Viene accolta dai militanti della Seconda posizione. La divisione nelle Brigate rosse si è consumata l’anno prima. Nell’ottobre Wilma è tra i fondatori dell’Unione dei Comunisti Combattenti. Che intende basarsi sull’esperienza delle Br e sul marxismo leninismo, per giungere a una teoria e una pratica rivoluzionarie adeguate alla situazione.

La prima azione è programmata per il 21 febbraio 1986 a Roma. Il ferimento di Antonio Da Empoli, neodirettore del Dipartimento degli Affari economici e sociali della presidenza del Consiglio, collaboratore di Craxi. Un incarico importante ma nell’ombra.

Da Empoli viene ferito in modo non grave. L’autista è un poliziotto, apre il fuoco. Roberta avanza, spara per coprire la fuga dei compagni. Ma subito le gambe perdono forza. Crolla a terra, ferita. Con una guancia poggiata sul marciapiede.
FONTE: Paola Staccioli/Sebben che siamo donne

Informazioni su

Ugo Maria Tassinari è l'autore di questo blog, il fondatore di Fascinazione, di cinque volumi e di un dvd sulla destra radicale nonché di svariate altre produzioni intellettuali. Attualmente lavora come esperto di comunicazione pubblica dopo un lungo e onorevole esercizio della professione giornalistica e importanti esperienze di formazione sul giornalismo e la comunicazione multimediale

Taggato con: , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.