6 settembre 1986, Istanbul: 22 morti in sinagoga. Opera di Abu Nidal

Cieca ferocia. È una delle etichette che vengono messe agli attentati terroristici. Come per tentare di dare una spiegazione a una brutalità che non guarda in faccia le sue vittime. È in parte vero, in parte no. Perché in molti casi, la ferocia è sì brutale e violenta, ma ci vede benissimo, panificando ogni dettaglio al fine di causare più vittime possibile. Come quando il terrorismo attacca le sinagoghe di sabato o durante le festività, occasioni in cui all’interno dell’edificio ebraico c’è la massima affluenza.

Due terroristi arabi di Abu Nidal

E infatti fu un proprio un sabato, il 6 settembre 1986, che venne compiuto un attentato alla sinagoga Neveh Shalom di Istanbul, da due terroristi arabi dell’organizzazione di Abu Nidal armati di fucili automatici e bombe a mano, che uccisero 22 persone e ne ferirono sei: lo stesso Abu Nidal a cui è stato attribuito l’attentato alla sinagoga di Roma il 9 ottobre 1982.

La sinagoga di Neve Shalom è situata nel quartiere Karakoy del distretto di Beyoğlu, vicino alla Torre di Galata, è la più grande sinagoga sefardita di Istanbul, e fu inaugurata nel 1951 alla presenza del rabbino capo della Turchia dell’epoca, Hahambaşı Rav. Rafael David Saban.

Nel 2003 67 morti in quattro attentati

La sinagoga di Neveh Shalom negli che seguirono al 1986 fu soggetta ad altri due attacchi terroristici:

il 1 marzo 1992, un attacco bomba, presumibilmente condotto da Hezbollah, che non ha fatto vittime;
il 16 novembre 2003, esplosioni di quattro autobombe, un’altra delle quali è stata diretta contro la sinagoga di Beit Israel. Tali attacchi hanno causato complessivamente la morte di 67 persone e il ferimento di 700.
Il tempio ebraico di Istanbul è stato anche fatto oggetto di proteste il 20 luglio 2017, quando decine di manifestanti hanno lanciato oggetti e tirato calci contro le porte per manifestare contro l’installazione dei metal detector all’ingresso del Monte del Tempio di Gerusalemme.

Una scia di attentati che ha colpito gli ebrei di Istanbul e tutti gli ebrei della Turchia in un dolore ancora oggi difficile da cancellare.

Fonte: Progetto Dreyfus

Ugo Maria Tassinari è l'autore di questo blog, il fondatore di Fascinazione, di cinque volumi e di un dvd sulla destra radicale nonché di svariate altre produzioni intellettuali. Attualmente lavora come esperto di comunicazione pubblica dopo un lungo e onorevole esercizio della professione giornalistica e importanti esperienze di formazione sul giornalismo e la comunicazione multimediale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.