Strage di Bologna: verso la pubblicazione degli atti dell’inchiesta bis della Procura

Quest’anno, preso da altre faccende, ho bucato l’appuntamento con il 2 agosto, anniversario della strage di Bologna. E invece occorre rimediare, perché sul tema che ci sta a cuore e a cui abbiamo dedicato tempo e passione, la vicenda dell’85esima vittima trasformata improvvidamente in carnefice, è uscito qualcosa di interessante. Un articolo di Giovanni Bianconi sul Corriere della Sera che tra le altre cose, in poche righe finali ci informa che:

1)    Anna Di Vittorio e Gian Carlo Calidori (coniugi; sorella e cognato di Mauro) sono stati autorizzati, dalla Procura di Bologna, ad acquisire le “carte” dell’inchiesta relativa a Mauro Di Vittorio;

2)    Anna e Gian Carlo stanno studiando le “carte giudiziarie” per difendere, pubblicamente, la memoria violata di Mauro;

3)    un “piccolo” gruppo di persone, a suo tempo, ha voluto accusare Mauro – “vittima ufficiale” della “Strage alla stazione di Bologna del 2 agosto 1980” – di essere, lui, il vero autore della strage, in combutta col terrorista internazionale Carlos, delle “Brigate rosse” e dei terroristi palestinesi;

4)    un “consistente” gruppo di persone ha voluto “non-difendere” Mauro Di Vittorio da questa inqualificabile accusa;

5)    per questi due gruppi di “gentildonne e gentiluomini”, il messaggio – la promessa solenne – di Anna e Gian Carlo è questo: ESTOTE PARATI.

Qui il testo dell’articolo di Giovanni Bianconi.

Informazioni su

Ugo Maria Tassinari è l'autore di questo blog, il fondatore di Fascinazione, di cinque volumi e di un dvd sulla destra radicale nonché di svariate altre produzioni intellettuali. Attualmente lavora come esperto di comunicazione pubblica dopo un lungo e onorevole esercizio della professione giornalistica e importanti esperienze di formazione sul giornalismo e la comunicazione multimediale

Taggato con: , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.