Tag: senza tregua

25 giugno 1951: nasce Nicola Solimano, uno dei leader più amati di Prima Linea

“Gli anni passati ai cancelli della Fiat mi hanno reso partecipe di modi concreti di conflitti altamente motivati, da tutte le parti in gioco, rispetto ai quali ho compiuto la mia scelta di campo come scelta di una parte sociale.”

Taggato con: , , ,

27 aprile 1976: neofascisti milanesi feriscono a morte Gaetano Amoroso

Gaetano Amoroso, insieme ad altri compagni del Comitato rivoluzionario antifascista di porta Venezia, fu aggredito e accoltellato la sera del 27 aprile 1976, in via Uberti, da un gruppo di fascisti (Cavallini, Folli, Cagnani, Pietropaolo, Terenghi, Croce, Frascini, Forcati) tutti provenienti

Taggato con: , , , ,

22 aprile 1977: arrestati sette operai. Si addestravano in montagna a usare le armi

Sette presunti brigatisti rossi che tornavano da un’esercitazione a fuoco in Valgrande sono stati arrestati dai carabinieri di Verbania. Sono: Enrico Baglioni, 28 anni, di Milano (via Sant’Eusebio 16); Riccardo Paris, 32 anni, di Muggio (Milano); Elio Brambilla, 25 anni,

Taggato con: , , , , , , ,

2 aprile 1976, gambizzato il capo dei vigilanti alla Magneti Marelli

Il 2 aprile 1976 avviene il ferimento di Matteo Palmieri, capo dei sorveglianti della Magneti Marelli, il cui nome e le cui responsabilità in merito all’organizzazione della rete spionistica in fabbrica erano già emerse in seguito alle carte trafugate durante

Taggato con: , , , , ,

26 marzo 1976, Bergamo: gambizzato ai cancelli Philco il dirigente Heinrich Herker

Il 26 marzo del 1976, all’ingresso dello stabilimento viene ferito alle gambe il direttore tecnico Heinrich Herker. L’attentato è rivendicato da Lotta armata per il comunismo: “Militanti comunisti sono entrati in azione alla Philco-Bosch colpendo il dirigente tedesco Herker. La

Taggato con: , , , , ,

22 giugno 1977, Lotta continua attacca Prima Linea: quell’editoriale velenoso di Deaglio

“Anche se qualche giovine pensa di stare ripetendo le azioni gappiste di Giovanni Pesce, sotto l’occupazione nazista”. E. D. E’ una coda velenosa quella dell’editoriale che il direttore del giornale, Enrico Deaglio, scrive per analizzare l’attività di Prima Linea e demolirne il progetto strategico.

Taggato con: , , , , , ,
Top