Il terrorista islamico di Milano: un dramma della dis/integrazione

E’ un giovane sbandato il sicario della stazione centrale di Milano, indagato come terrorista  islamico. Negli ultimi mesi, uscito dal carcere dove era finito come pusher, ha pensato di trovare compagnia alla solitudine simpatizzando per l’Isis. Ci hanno tenuto subito a rassicurarci: non è un migrante, ma è italiano. Figlio di un tunisino e di una meridionale, entrambi con precedenti violenti, abbandonato a se stesso da una famiglia disfunzionale.
terrorista islamico
Numerosi tratti del profilo corrispondono al tipo che alimenta le reti islamiste in Francia e Belgio. Un piccolo delinquente di seconda o terza generazione, passato per la galera, socialmente emarginato. Ma qui ci troviamo di fronte a un lupo solitario in cui è, in tutta evidenza, la solitudine a determinare l’imbestialimento.

Del resto perché uno che mangia alle mense dei poveri, vive in strada, dorme in un furgone scassato in un quartiere degradato non dovrebbe essere incazzato con il mondo e con la vita?

Informazioni su

Ugo Maria Tassinari è l'autore di questo blog, il fondatore di Fascinazione, di cinque volumi e di un dvd sulla destra radicale nonché di svariate altre produzioni intellettuali. Attualmente lavora come esperto di comunicazione pubblica dopo un lungo e onorevole esercizio della professione giornalistica e importanti esperienze di formazione sul giornalismo e la comunicazione multimediale

Taggato con: , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.