Il tifoso morto. Per il pm l’autista cade in un agguato. L’accusa: omicidio volontario

E’ una brutta storia l’imboscata alle porte di Potenza finita con la morte di un supporter del Vultur e l’arresto del tifoso melfitano che lo ha travolto e dei 24 ultras rioneresi che lo avevano circondato. E sembra confermare il sospetto che il mondo delle curve violente sia un luogo di audace interpretazione e sperimentazione giuridica. Stentiamo infatti a capire come possa il procuratore capo di Potenza, al tempo stesso, sostenere che si è trattato di un agguato tribale e accusare l’autista circondato dall’orda avversaria di omicidio volontario.

Ci sono almeno due precedenti famosi di persone aggredite in un autoveicolo che, per difendersi da avversari preponderanti, spararono. L’avanguardista Antonio Braggion uccise a Milano il 16 aprile 1975 il militante del MLS Claudio Varalli: lo condannarono per eccesso colposo di legittima difesa. Il carabiniere Mario Placanica ammazzo l’ultrà Carlo Giuliani durante gli scontri del G8 di Genova, il 20 luglio 2001. Fu prosciolto per uso legittimo delle armi. In entrambi casi niente omicidio volontario, quindi…

Per approfondire

Sui fatti di Potenza:

Sulla violenza negli stati:

Informazioni su

Ugo Maria Tassinari è l'autore di questo blog, il fondatore di Fascinazione, di cinque volumi e di un dvd sulla destra radicale nonché di svariate altre produzioni intellettuali. Attualmente lavora come esperto di comunicazione pubblica dopo un lungo e onorevole esercizio della professione giornalistica e importanti esperienze di formazione sul giornalismo e la comunicazione multimediale

Taggato con: , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.