13 febbraio 1977: le Br debuttano a Roma gambizzando Valerio Traversi

Il 13 febbraio 1977 Roma Valerio Traversi, dirigente del Ministero di Grazia e Giustizia, viene ferito alle gambe dalle Brigate Rosse.

È indicato dai brigatisti come il regista delle ristrutturazione dei penitenziari in chiave antievasioni.

Alle ore 8,50, Valerio Traversi, dirigente superiore del Ministero di GG. GG., è avvicinato all’incrocio tra via Giulia e vicolo della Moretta, da una donna e un giovane che gli chiedono dove è il Gianicolo. Quest’ultimo lo feriva alle gambe con numerosi colpi sparati con una pistola munita di silenziatore (anche se i rapporti della prima ora parlano di un mitra). Il Traversi aveva curato una inchiesta presso le carceri di Firenze e un’altra presso il carcere di Treviso, ove c’era stata un’evasione (protagonista Prospero Gallinari).

Il Fronte delle carceri decide e attua l’attentato (a detta di Morucci); ad esso. Vi parteciparono 4 persone (2 regolari e 2 irregolari), tra cui il Bonisoli e la Brioschi. Adriana Faranda fa parte del gruppo operativo che realizza l’azione.

Il fascicolo delle prime indagini sul ferimento

Fonti: L’alba dei funerali di uno Stato; Archivio del Senato

Informazioni su

Ugo Maria Tassinari è l'autore di questo blog, il fondatore di Fascinazione, di cinque volumi e di un dvd sulla destra radicale nonché di svariate altre produzioni intellettuali. Attualmente lavora come esperto di comunicazione pubblica dopo un lungo e onorevole esercizio della professione giornalistica e importanti esperienze di formazione sul giornalismo e la comunicazione multimediale

Taggato con: , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.