Essere vittima è un ergastolo, ma venirne fuori è un diritto – Pubblico | Dalla parte degli ultimi e dei primi

Essere vittima è un ergastolo, ma venirne fuori è un diritto – Pubblico | Dalla parte degli ultimi e dei primi.

Di Silvia Giralucci

Vittima è una parola che sa di lamentela, di vittimismo, di pietà, di vendetta. La vittima è circondata da imbarazzo. Le vittime del terrorismo degli anni Settanta, i feriti e i parenti delle persone che sono state uccise, sono state per molti anni circondate da un silenzio che celava la difficoltà di gestire un periodo storico complesso, con colpe diffuse mai pubblicamente affrontate. Per molti anni le loro istanze sono state bollate con l’orribile parola “vittimismo” e a loro è stata negato ogni tipo di sostengo: economico, psicologico, sociale.

(umt) E’ la replica di Silvia Giralucci alla recensione di “Pubblico” al libro del figlio del giudice Coco, “Ricordare stanca”.

Ugo Maria Tassinari è l'autore di questo blog, il fondatore di Fascinazione, di cinque volumi e di un dvd sulla destra radicale nonché di svariate altre produzioni intellettuali. Attualmente lavora come esperto di comunicazione pubblica dopo un lungo e onorevole esercizio della professione giornalistica e importanti esperienze di formazione sul giornalismo e la comunicazione multimediale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.