Chiuso per lutto

L’alter Ugo partecipa al lutto per la scomparsa di Maradona e sospende le pubblicazioni per tre giorni

22 novembre 2016: muore l’anarchico Amedeo Bertolo

Amedeo Bertolo, di famiglia friulana, nasce a Milano il 17 settembre 1941 nelle stesse case popolari del quartiere San Siro in cui vivono, per un curioso destino, sia Giuseppe Pinelli sia Pietro Valpreda, che tuttavia conoscerà molti anni dopo e in altri contesti. Dal padre mosaicista, nel cui laboratorio lavora per un anno, impara la capacità di prefigurare un disegno la cui effettiva realizzazione, tassello dopo tassello, richiede tempo, pazienza e tenacia.

Leggi altro ›

22 novembre 1975. De Luca: Pietro Bruno l’ho mandato a morire io

pietro

Il 22 novembre 1975 i carabinieri uccidono, con colpi di arma da fuoco alla schiena, Pietro Bruno. Il 18enne militante di Lotta Continua della Garbatella, aveva partecipato a un attacco dimostrativo all’ambasciata dello Zaire. Sono passati 45 anni da quel giorno maledetto. Erri de Luca, si è fatto carico di quella tragedia e non riesce a perdonarsi. Anche per questo merita tutto il nostro massimo rispetto. Invece ogni volta che rilancio questo vecchio post innesco la reazione stizzita delle vestali della purezza ‘antisionista’ che addebitano allo scrittore il tradimento della causa palestinese e l’ “intelligenza con il nemico”. Sarebbe invece il caso di provare a ragionare sulla “misura in cui” la violenza poliziesca con cui venivano repressi attacchi simbolici (l’ambasciata dello Zaire, il ministero della Giustizia pochi mesi dopo) abbia contribuito a determinare una precipitazione lottarmatista dello scontro

Leggi altro ›
Taggato con: , , , ,

20 novembre 1936: muore Durruti, eroe della guerra civile spagnola

Buenaventura Durruti nasce il 14 luglio 1896 da una famiglia proletaria a Leon (Spagna), piccola città clericale e fortemente monarchica. L’aria che si respira è di un conservatorismo senza speranza e la classe operaia ha una limitata rappresentanza politica. I pochi e sparuti repubblicani già sembrano dei pericolosi eversivi. Suo padre è un ferroviere di fede socialista, mentre la madre è una casalinga assai impegnata visto che deve allevare nove bambini. Durruti studia fino all’età di 14 anni.A scuola va bene e ama molto la lettura, è dotato di una mente brillante e curiosa che si scontra fin dall’adolescenza con il limite soffocante delle tradizioni di Leon.  Interrompe la scuola per lavorare nel laboratorio di Melchor Martinez, un piccolo artigiano metalmeccanico. La sera frequenta alcuni corsi e si specializza nel lavoro di meccanico, in seguito viene assunto presso la Compagnia ferroviaria della Spagna del nord. 

Leggi altro ›

E’ morto Tom Metzger: dal Klan ai “lupi solitari”,60 anni di fascisteria Usa

Il 4 novembre scorso è morto a Hemet, in California a 82 anni Tom Metzger, un leader dell’ultradestra partito dal Klan e approdato a posizioni nazionalsocialiste di “sinistra”, in un percorso abbastanza originale per l’esperienza americana. Lo ha annunciato il suo sito web, resist.com. Il giorno 10 necrologi sono stati pubblicati da due quotidiani di San Diego. Me ne ero occupato in “In God we kill”, il mio volume sull’ultradestra a stelle e strisce, edito nell’inverno 2002 da Jamm Edizioni.

Leggi altro ›

Sandro Padula: le nuove Brigate rosse, un falso grottesco

di Sandro Padula

Le Brigate Rosse “vecchie”, nate nel 1970, morirono nel 1988 e le “nuove”, emerse nel 1999, cessarono di esistere nel 2003.

Oggi invece, ben 17 anni dopo i loro ultimi fuochi di guerriglia, qualcuno afferma che lo spettro delle Br sarebbe ancora pronto a colpire.

Leggi altro ›

18 novembre 1982: rapina dei Nar. Belsito uccide un vigilante a Milano

Dopo il pentimento di Walter Sordi e le retate con decine di arresti in tutt’Italia, dal Veneto alla Sicilia, la mezza dozzina di latitanti dei Nar sono allo sbando. I due più giovani, Pasquale Belsito e Stefano Soderini tentano una rapina a Milano che finisce male. Anni dopo il pentimento di Soderini permetterà di attribuirne la responsabilità ai due. Ma la storia ce la racconta, da un altro punto di vista, il sindacato di cui era attivista il vigilante ucciso e che lo ricorda ogni anno collocando una corona di fiori sul luogo del delitto.  

Leggi altro ›

Far West a Monteverde: così arrestarono Mancini e Colafigli

Oggi compie 67 anni Marcello Colafigli, l’unico leader della banda della Magliana ancora detenuto. Il “post” della sua biografia è il più letto di questo blog: un evergreen. Perciò oggi voglio offrire ai suoi “patuti” una storia in più, quella del suo arresto, nel corso di un raid contro il “clan dei pesciaroli”, la vendetta per Franco Giuseppucci, il 16 marzo 1981

Leggi altro ›

Ora contestano l’odio razziale all’ultrasinistra

Quattro giovani antagonisti sono stati rinviati a giudizio oggi dal giudice di Milano Carlo Ottone De Marchi. L’accusa è di avere minacciato la Brigata ebraica durante il corteo antifascista per la Liberazione, il 25 aprile 2018. Per tre imputati anche l’aggravante dell’odio razziale. Oggi è stato anche deciso il non luogo a procedere per un quinto imputato. Era accusato di avere tirato una bottiglietta d’acqua in direzione dei rappresentanti del corteo.

Leggi altro ›

La rabbia dei precari nel salotto buono di Bologna

Sabato pomeriggio la piazza di Bologna ha visto partire dal Nettuno un corteo lanciato dai rider (Riders Union) che aveva ricevuto l’adesione di realtà di lotta giovanile della città. Alle 18.30 circa seicento giovani precari/e, studentesse e studenti, lavoratori/ici dello spettacolo e rider si sono mossi velocemente spiazzando i dispositivi di controllo della polizia. Lo striscione di apertura indicava nei “ricchi” la controparte alla quale bisogna andare a chiedere conto per pagare i costi sociali innestati dalla crisi pandemica.

Leggi altro ›
Top