Cosi i nazionalisti bianchi in Usa sfondano su Twitter

C’è un boom di presenze dei nazionalisti bianchi americani su Twitter: la presenza è raddoppiata dal 2012 (3542 follower) al 2014 (6567) per quadruplicare nei due anni successivi (25406). Una presenza che cresce con una curva geometrica impressionante e che non si limita alla testimonianza ma punta al cuore dello Stato, sostenendo gagliardamente la campagna presidenziale di Donald Trump ma al tempo stesso con una certa dominanza di temi specificamente “nazisti”. Il fenomeno è stato monitorato in una ricerca condotta da J.M. Berger, docente del Programma sull’Estremismo della George University, per cui segue il terrorismo islamico. Questo progetto specifico compara la presenza sul social network dei nazionalisti bianchi americani e dei supporter dell’Isis. I risultati della ricerca sono stati rilanciati oggi dal Corriere della Sera. Interessante la sintesi che lo stesso Berger propone all’inizio del report, articolata in 8 punti. Molti fenomeni descritti sono infatti verificabili anche in Italia:

1. i principali movimenti nazionalisti bianchi americani su Twitter hanno aggiunto circa 22.000 seguaci dal 2012, con un incremento di circa il 600%. L’aumento è stato determinato in parte dall’attivismo organizzato sui mezzi di comunicazione sociale,  l’adozione dei social media da parte di persone interessate al nazionalismo bianco, e, in una certa misura, l’aumento delle comunità di troll interessati comunque a inondare le piattaforme di social media con contenuto negativo, indipendentemente dal credo effettivo dei partecipanti.

2. Il tema più popolare tra i nazionalisti bianchi su Twitter è stato il concetto di “genocidio bianco”, l’idea che la “razza bianca “è direttamente messa in pericolo dalla crescente diversità della società. Attivisti di social media twittano centinaia di volte al giorno utilizzando gli hashtag ripetitivi e slogan associati a questo tema.

3. I nazionalisti bianchi su Twitter hanno pesantemente investito sulla campagna presidenziale di Donald Trump. Questi utenti hanno fatto riferimento a Trump più di quasi qualsiasi altro argomento, e gli hashtag Trump-correlat i hanno superato tutti gli altri ad eccezione di #whitegenocide nei gruppi di utenti esaminati.

4. Il nazionalismo bianco è altamente frazionato e comprende una serie di movimenti in competizione. Su Twitter, gli account focalizzati sulla simpatie naziste prevalgono rispetto a qualsiasi altro movimento nazionalista, e la propaganda filonazista è stata twittato più spesso di qualsiasi altro contenuto.

5. All’interno della comunità più ampia di nazionalisti bianchi, reclutamento organizzato, proselitismo, e attivismo sui social media sono stati principalmente effettuati da una rete altamente interconnessa di utenti con un progetto di comuni tematiche mentre l’attività con un taglio nazista è stata più organica e meno organizzata. Il reclutamento incentrato sul tema del genocidio bianco ha utilizzato una terminologia ripresa dall’intrattenimento popolare.

6. I set di dati nazionalisti bianchi esaminati hanno superato le performance dell’ISIS nella maggior parte dei parametri correnti e molti misurazione storiche. Nazionalisti bianchi e nazisti contano su un numero di seguaci notevolmente superiore ai sostenitori ISIS e twittano più spesso. I sostenitori ISIS hanno una migliore disciplina per quanto riguarda l’uso costante di hashtags del movimento, ma soccombono in quasi ogni altro aspetto. Il chiaro vantaggio di cui godono i nazionalisti bianchi è attribuibile in parte agli effetti della sospensioni aggressive di account associati con le reti ISIS.

7. Piccoli gruppi di utenti tweetando in concerto ad alto volume possono amplificare il loro effetto, causando hashtag e contenuti di tendenza in numero abbastanza significativo per richiedere i media mainstream copertura. I simpatizzanti nazionalisti bianchi hanno usato questa strategia nel mese di ottobre 2015, con le chiamate a boicottare Star Wars: Il Potere della Forza Risveglia come anti-bianco. La copertura mediatica può portare a  maggiore curiosità per i gruppi estremisti, alimentando il loro successo sui social media.

8. In generale, questi risultati suggeriscono che la battaglia contro ISIS sui social media è solo la prima di molte sfide per integrare valori normativi, alcuni dei quali sono in corso, ma la maggior parte delle quali ci attendono.

 

Informazioni su

Ugo Maria Tassinari è l'autore di questo blog, il fondatore di Fascinazione, di cinque volumi e di un dvd sulla destra radicale nonché di svariate altre produzioni intellettuali. Attualmente lavora come esperto di comunicazione pubblica dopo un lungo e onorevole esercizio della professione giornalistica e importanti esperienze di formazione sul giornalismo e la comunicazione multimediale

Taggato con: , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.