Scritte naziste, quei gesti vigliacchi e la terribile violenza della parole – Roma – Repubblica.it

Scritte naziste, quei gesti vigliacchi e la terribile violenza della parole – Roma – Repubblica.it.

di MARCO LODOLI Non esiste fondo per l’ignominia e la meschinità, se c’è ancora chi protetto dal buio e dall’anonimato si permette di offendere i morti, i bambini, i deboli, di lasciare scritte miserabili e fuggire nel fango. Sui muri di alcuni licei romani mani vigliacche hanno tracciato offese irripetibili, veleno puro. Eppure i gruppi di destra fanno della lealtà e dell’onore i loro pennacchi retorici, tappezzano la città di manifesti che inneggiano agli eroi senza macchia e senza paura, ai cavalieri caduti per la nobiltà dei loro ideali, ai martiri della violenza barbara: ma poi di notte scaricano sui muri insulti ignobili, vomito rabbia e bile trasformati in slogan squallidissimi.

umt: All’uso politico di questa vicenda si oppone CasaPound che contesta una strumentalizzazione da parte del Pd in una lunga nota

“Qualcuno, a Roma, sta cercando di soffiare sul fuoco e  di creare un clima di presunta emergenza democratica solo per ergersi a paladino della convivenza civile e racimolare qualche voto in più alle elezioni. È pericoloso e indegno. Lo stillicidio quotidiano di visionari allarmi contro il pericolo fascista nella capitale è unicamente funzionale al Pd, che dopo aver sostenuto le politiche antisociali del governo Monti e aver dato vita, con Zingaretti, a una gestione della Provincia zeppa di scandali, ora deve  rifarsi una verginità politica davanti ai suoi elettori. Ecco quindi rispuntare i toni da anni ’70 sulla bocca dei soliti professionisti dell’antifascismo. Allora persino una scritta su un muro, fatta da chissà chi e chissà quando, diventa l’occasione per una comparsata di illustri sconosciuti noti al grande pubblico solo per i quotidiani comunicati contro l’estrema destra”. CasaPound si dice inoltre stupita che tale atteggiamento irresponsabile e dai contorni smaccatamente elettorali venga assecondato da certa stampa, sempre pronta ad accostamenti suggestionanti in spregio a ogni deontologia professionale, e dall’ineffabile sindaco Alemanno, sempre pronto ad accodarsi al gregge”. Di fronte a tutto ciò, prosegue Cpi, “bisogna solo mantenere la calma e rispondere con l’arma che questi signori temono di più: mettendo a nudo la loro concezione clientelare, inefficiente e parolaia della politica e portando alla luce tutti gli scandali che hanno orma esasperato i cittadini romani, sempre più desiderosi di trovare una reale alternativa al centrodestra e al centrosinistra”.

Ugo Maria Tassinari è l'autore di questo blog, il fondatore di Fascinazione, di cinque volumi e di un dvd sulla destra radicale nonché di svariate altre produzioni intellettuali. Attualmente lavora come esperto di comunicazione pubblica dopo un lungo e onorevole esercizio della professione giornalistica e importanti esperienze di formazione sul giornalismo e la comunicazione multimediale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.