Stefano Cucchi, chi se ne importa della verità – Silvia D’Onghia – Il Fatto Quotidiano

Stefano Cucchi, chi se ne importa della verità – Silvia D’Onghia – Il Fatto Quotidiano.

uoi vedere che alla fine aveva ragione Giovanardi, quando puntava il dito (e oggi è tornato a farlo) contro la vita da ‘tossicodipendente’ di un ragazzo arrestato con 20 grammi di hashish e morto nel letto del reparto protetto di un ospedale romano?
Vuoi vedere che quella morte lenta, quell’agonia durata sei giorni, di un uomo di appena 32 anni – un boxeur, un tipo magro ma atletico – sia stata quasi un caso? 
O sia dovuta soltanto alla negligenza di medici distratti che non si sono accorti, quasi facessero un altro mestiere, che sotto i loro occhi chiusi un ragazzo stava morendo, di fame e di sete?

umt: Comunque sia, lo hanno ammazzato.

Ugo Maria Tassinari è l'autore di questo blog, il fondatore di Fascinazione, di cinque volumi e di un dvd sulla destra radicale nonché di svariate altre produzioni intellettuali. Attualmente lavora come esperto di comunicazione pubblica dopo un lungo e onorevole esercizio della professione giornalistica e importanti esperienze di formazione sul giornalismo e la comunicazione multimediale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.