Borghezio,Geert, Le Pen e gli altri amici di Israele che fomentano guerra razziale e odio sociale | Informare per Resistere

Borghezio,Geert, Le Pen e gli altri amici di Israele che fomentano guerra razziale e odio sociale | Informare per Resistere.

L’incipit: Occhi “blu per un popolo che vuole restare bianco” . Così Mario Borghezio ha parlato al forum di “Bloc Identitaire”, movimento della variegata destra francese. E siccome anche a me piacciono gli occhi blu nei maschietti, mi sono venuti in mente gli occhi di Anders Breivik, l’autore della strage di Utoya (e di Oslo) dell’estate 2011. Alla terza udienza del suo processo, Breivik ha dichiarato che tra le motivazioni che lo avrebbero spinto al nefando gesto c’era quella di destabilizzare la società norvegese, di spingerla nella paura, cosicchè dietro la tensione generata dallo spavento per la morte che aspetta dietro l’angolo chiunque di noi, il popolo norvegese si sarebbe unito sulla scorta dell’istinto, secondo “il simile che cerca il simile”. Emarginando il diverso, l’abbronzato, l’arabo, l’africano… il musulmano insomma. I giornali, all’epoca della vicenda Breivik, prima e durante il processo, hanno piu’ volte accostato lo stragista ai nazisti e a Hitler. Cosi come anche Borghezio (che con la strage di Breivik non ha nulla a che fare, lo precisiamo per evitare pericolosi fraintendimenti) spesso viene accostato al nazismo . In special modo al razzismo nazista, al suprematismo della stirpe tedesca che se l’è presa con gli ebrei.

umt: “Cloro” è brava, proprio brava. Perché il tema delle destre europee non fasciste e rabbiosamente antislamiche è centrale

 

Ugo Maria Tassinari è l'autore di questo blog, il fondatore di Fascinazione, di cinque volumi e di un dvd sulla destra radicale nonché di svariate altre produzioni intellettuali. Attualmente lavora come esperto di comunicazione pubblica dopo un lungo e onorevole esercizio della professione giornalistica e importanti esperienze di formazione sul giornalismo e la comunicazione multimediale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.