E’ morto Luigi Novelli. Un proletario romano, da Viva il comunismo all’esecutivo br

A dare la notizia, sulla sua pagina facebook, è “Alex Paddy”, un suo antico compagno di lotta e di prigione. Quando si parla della colonna romana delle Brigate Rosse si tende a privilegiare il ruolo di Valerio Morucci e dei compagni delle Formazioni comuniste armate che con lui entrarono. Ma dal punto di vista del peso politico va ricordato quel gruppo di compagni marxisti leninisti di cui lui faceva parte. E la scomparsa di Luigi Novelli ne è triste occasione.
Pur rispettando la regola brigatista dell’ingresso individuale, mantennero una solidità di legame notevole che si andò dissolvendo soltanto alla fine della corsa.

Dalla diaspora di Viva il Comunismo al comitato comunista di Cinecittà, alla brigata di Torre Spaccata. Luigi e i suoi compagni finirono tutti per assumere ruoli di direzione politica. Nella colonna, nei fronti, nella direzione strategica delle Brigate rosse. Luigi, in particolare, fece parte anche dell’esecutivo.
A leggere i nomi, Luigi Novelli, Marina e Stefano Petrella, Marcello Capuano, Francesco Piccioni, Remo Pancelli, Piero Vanzi ci trovi tanta storia della lotta armata romana.
E raccontare oggi i passaggi di Luigi attraverso la cronaca penale e giudiziaria degli arresti, dei processi, delle condanne mi sembra veramente insensato.

La sua storia, dalla militanza proletaria nel suo quartiere al carcere ce la racconta un suo compagno, “Rocco” dalle pagine di Contropiano, che potete leggere qui

Informazioni su

Ugo Maria Tassinari è l'autore di questo blog, il fondatore di Fascinazione, di cinque volumi e di un dvd sulla destra radicale nonché di svariate altre produzioni intellettuali. Attualmente lavora come esperto di comunicazione pubblica dopo un lungo e onorevole esercizio della professione giornalistica e importanti esperienze di formazione sul giornalismo e la comunicazione multimediale

One comment on “E’ morto Luigi Novelli. Un proletario romano, da Viva il comunismo all’esecutivo br
  1. antonio ha detto:

    sono il fratello di gigi ti ringrazio molto del tuo ricordo ineccepibile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*