Sul sottile razzismo della stampa mainstream

[La strage di Castelvolturno mi conferma l’esistenza di vecchi, consolidati pregiudizi della stampa mainstream]

strage-di-castelvolturno-e-morto-improvvisame-L-Hpws4J

L’inviato del “Sole 24 ore” non ha avuto dubbi: si trattava di un regolamento di conti tra bande rivali di spacciatori. Perché, se no, rampanti comparielli si
La razionalità capitalistica è rig

orosa: il crimine è regolato da ferree leggi economiche. Non si ammazza per niente anche un singolo negro. E invece no, c’è voluta la cocciutaggine della comunità colpita e l’evidenza delle storie di vita (uno spacciatore di eroina non rischia la vita da clandestino nei cantieri) per capire che si era compiuto un grande passo in avanti sul terreno della catastrofe dell’umano.sarebbero dovuti prendere la briga di ammazzare sei negri sei?

Per noi, cresciuti alla scuola più radicale dell’operaismo italiano, che già negli anni 70 ci sforzavamo di distinguere nella catena di produzione del contrabbando di sigarette capitale e lavoro e nella forza lavoro tra operai generici (gli scaricatori) e specializzati (gli scafisti), è duro dover orientarsi in un orizzonte dove la ragione umana, anche la più cinica e spietata, sembra dissolversi.

Ora ci vengono a dire che il ragazzo di Milano non è stato ammazzato per motivi razziali ma per un pacco di biscotti, per difendere la “maledetta proprietà” (e poi da parte di due con specifici precedenti per reati contro il patrimonio…): quand’anche fosse vero non sarebbe una grande consolazione.

E se si guarda, al di là della violenza più feroce, alle croci dell’insorgenza xenofoba disseminate nel paese, dal Pigneto a Ponticelli a Pianura, ci si rende conto che, pur in assenza di un ruolo attivo delle frange più politicizzate della destra radicale, e fuori dalle aree di influenza leghista, la cultura dell’odio attecchisce anche in terreni dove prima la sinistra era maggioritaria.

Viviamo veramente tempi di merda.

Taggato con: , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*