3 maggio 1968, prima battaglia del maggio francese: 500 arresti al Quartiere latino

maggio franceseIl 3 maggio del 1968, a Parigi, con l’occupazione dell’Università Sorbona, inizia quello che passerà alla Storia come il maggio francese, la punta più alta della contestazione giovanile in Occidente per intensità e durezza dello scontro. Solo un punto di vista eurocentrico rimuove che il Sessantotto fu anche il movimento delle Guardie rosse in Cina e la repressione feroce da parte del regime messicano alle proteste contro le Olimpiadi.
L’occupazione della storica università parigina da parte di centinaia di studenti, che protestavano contro la riforma scolastica definita “classista”, sfociò in gravi disordini con le forze dell’ordine, con una battaglia campale al Quartiere latino e cinquecento arresti. La scintilla che dà fuoco alla prateria è un episodio apparentemente marginale: l a gendarmeria francese che carica i 400 studenti riuniti nel cortile della Sorbonne per protestare contro la chiusura di un corso di laurea.
Da quella scintilla, con le prime proteste studentesche (in realtà erano iniziate il 22 marzo a Nanterre, ma fu a maggio che assunsero dimensioni più importanti), sarebbe esploso un mese di proteste che presto coinvolse anche gli operai, con scioperi generali ad oltranza, manifestazioni enormi in tutto il paese, occupazioni di fabbriche. In certi momenti il maggio francese assunse le caratteristiche di una sollevazione popolare che sembrò mettere in discussione la tenuta del regime gollista stesso. Ma il generale fu bravo a suscitare la forza terribile della Francia profonda: accettò la sfida, convocò le elezioni anticipate e stravinse

 

Informazioni su

Ugo Maria Tassinari è l'autore di questo blog, il fondatore di Fascinazione, di cinque volumi e di un dvd sulla destra radicale nonché di svariate altre produzioni intellettuali. Attualmente lavora come esperto di comunicazione pubblica dopo un lungo e onorevole esercizio della professione giornalistica e importanti esperienze di formazione sul giornalismo e la comunicazione multimediale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.