Un altro folle in azione. Accoltella un ebreo invocando Allah

Un ebreo ortodosso è stato accoltellato per strada a Strasburgo, nell’est della Francia, da un uomo che gridava Allah u Akbar. Lo riferiscono i media francesi, precisando che l’uomo è ferito non gravemente. L’aggressore è stato arrestato dalla polizia. Secondo fonti locali citate dal sito del Journal du Dimanche, è noto per “precedenti psichiatrici”. L’uomo colpito, secondo i primi elementi raccolti dagli inquirenti, era seduto a un tavolino fuori da un caffè quanto è stato aggredito. L’aggressore gli ha provocato una ferita superficiale al petto. Le indagini restano al momento assegnate alla procura locale, perché in base alle verifiche finora condotte il fatto non è stato ritenuto di natura terroristica. Nel capoluogo dell’Alsazia è presente una nutrita comunità israelitica, con circa quindicimila membri.

folleL’ultimo precedente di folia armata e attiva in modalità “intifada dei coltelli” risale a tre giorni fa in Austria. Un uomo di 60 anni, di nazionalità tedesca, con disturbi mentali, ha aggredito due giovani di 17 e 19 anni su un treno regionale nello Stato federato di Vorarlberg, nell’estremo ovest del Paese. Entrambi sono gravi. L’aggressore è stato fermato nella stazione di Sulz, dopo aver opposto in un primo momento resistenza. Secondo la stampa locale, l’attacco sarebbe scaturito dopo una lite sul treno.
Ancora ignoto invece il movente del giovane svizzero che una settimana fa accoltellò 6 persone rimanendo poi anche lui ferito gravemente nella colluttazione dell’arresto. La polizia ha dato scarso peso alla pista terroristica ma non ha fornito indicazioni alternative.

Informazioni su

Ugo Maria Tassinari è l'autore di questo blog, il fondatore di Fascinazione, di cinque volumi e di un dvd sulla destra radicale nonché di svariate altre produzioni intellettuali. Attualmente lavora come esperto di comunicazione pubblica dopo un lungo e onorevole esercizio della professione giornalistica e importanti esperienze di formazione sul giornalismo e la comunicazione multimediale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.