Violenze dei black bloc a Parigi, Mélenchon se la prende con i fascisti

black blocIl leader di Insoumis Jean-Luc Mélenchon ha commentato a suo modo la violenza a monte del  corteo del 1 maggio attribuita ai Black Blocks di estrema sinistra, ricorrendo a uno schema retorico a noi ben noto.  Il candidato presidenziale della sinistra ha scelto Marsiglia per sfilare il 1 ° maggio. Come membro del 4 ° collegio elettorale di Bouches-du-Rhone, è davvero difficile per il leader della Francia Insoumise non manifestare nella città. Non ha dimenticato di commentare gli incidenti che hanno turbato la manifestazione parigina. “Violenza insopportabile contro la manifestazione del Primo Maggio. Senza dubbio bande di estrema destra. #1 può ” ha reagito sul suo account Twitter. Una dichiarazione stupefacente mentre la prefettura della polizia di Parigi ha dichiarato di aver arrestato circa 200 “Black Blocks” dopo gli scontri. “Black Blocks” è una sigla storica dell’estrema sinistra storicamente.   Scontri sono scoppiati martedì a margine della parata sindacale tra più di mille persone incappucciate e forze dell’ordine. La polizia è stata colpita da oggetti lanciati sul viale dell’ospedale (13 ° arrondissement). Raccolti intorno a banner   “Questa volta siamo organizzati”, hanno urlato “Tutti odiano la polizia” o “Parigi, alzati in piedi, alzati”. Di fronte a circa 1.200 persone incappucciate, la polizia ha usato gas lacrimogeni e due idranti. Gli attivisti hanno anche attaccato un ristorante McDonald’s con dispositivi incendiari, un concessionario di automobili e elementi dell’arredo urbano.

Informazioni su

Ugo Maria Tassinari è l'autore di questo blog, il fondatore di Fascinazione, di cinque volumi e di un dvd sulla destra radicale nonché di svariate altre produzioni intellettuali. Attualmente lavora come esperto di comunicazione pubblica dopo un lungo e onorevole esercizio della professione giornalistica e importanti esperienze di formazione sul giornalismo e la comunicazione multimediale

Taggato con: , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*