Cimini: bomba fascista, depistaggio antifascista “Strage di stato” il titolo del libro che diede il via a una formidabile campagna di controiformazione sull’attentato di piazza Fontana conteneva un giudizio prettamente politico che ha trovato ampio riscontro nella realtà al di …

12 dicembre: due riflessioni oltre gli slogan Continua a leggere »

Mercoledì 9 dicembre il Gip di Roma Francesco Patrone ha respinto la richiesta di archiviazione dell’omicidio di Valerio Verbano depositata lo scorso 28 agosto dal pm Erminio Amelio. Ha così accolto la richiesta di opposizione dell’avvocato di parte civile Rossi …

No all’archiviazione dell’omicidio Verbano Continua a leggere »

«Se dovessi disegnare la copertina di un album di quegli anni – racconta Luciano Borghesan, cronista della Stampa – metterei una foto della Saa». Saa sta per Scuola di amministrazione aziendale, la prima business school italiana, fondata a Torino negli …

11 dicembre 1979: la decimazione di Prima Linea alla scuola Fiat Continua a leggere »

Un CIAO AL “BIONDO” (che qui riporto, al solito rivisto a fine di ‘leggibilità’, tardivamente ; arrancando discronico, cronopatico, dietro al ”tempus [che] fugit”, che sempre “manca”, e divora — sono già due giorni da quando avevo letto, ‘incassato’, e …

Ciao, Biondo. Oreste Scalzone saluta Piero Bassi Continua a leggere »

Il ’73 ha visto un crescendo di azioni davvero importanti. Si è passati dalla gogna-sequestro del sindacalista della CISNAL in Fiat, Labate (febbraio), a quello all’ingegner Michele Mincuzzi, dirigente dell’Alfa Romeo (giugno), all’ancor più clamoroso sequestro del cavalier Amerio, capo …

Il sequestro Amerio fa litigare i brigatisti e Dario Fo Continua a leggere »

Lo chiamavamo “biondo “. Era un compagno della brigata storica dei comunisti di Milano. È morto il biondo. Solo, come ha sempre voluto essere, per il suo carattere scontroso, permaloso, soprattutto rigoroso. Sono rarissime le foto del “Biondo”. Personalmente non …

E’ morto Piero Bassi. Fondò le Br. Il ricordo di Mario Rossi Continua a leggere »

Della vicenda di Giorgio Coda, il “carnefice che diventa vittima”, ce ne siamo già occupati. Stavolta la raccontiamo con le parole di Stefano Caselli e Davide Valentini che nel libro “Anni spietati” (Laterza 2011) hanno ricostruito gli anni di piombo …

2 dicembre 1977, il carnefice Coda e il giustizialismo armato Continua a leggere »